Bianchi - Italian Legend Bicycles, Associazione Culturale, Pesaro Urbino - Marche - Italy

Vai ai contenuti

Menu principale:



Edoardo Bianchi è il fondatore di uno dei marchi più famosi e antichi delle biciclette italiane. A vent’anni inizia la sua prima attività, una bottega di due locali nel centro della vecchia Milano con l’insegna “Officina Meccanica”.
Ben presto la città di Milano diventa non solo forte dal punto di vista industriale ma anche il centro di maggiore produzione di biciclette e nel 1897 Bianchi inizia la produzione di serie fino a diventare una SpA nel 1907. La crescita continua anche durante il periodo fascista per poi arrestarsi durante la seconda guerra mondiale poiché il grande stabilimento viene raso al suolo dai bombardamenti del 1943.
La ricostruzione e la ripresa dell’azienda sarà affidata al figlio Giuseppe che subentra al comando dopo la morte del padre avvenuta nel 1946. La Bianchi risorge e partecipa al rilancio economico sfruttando la scia di popolarità delle epiche vittorie di Fausto Coppi, il campione al quale è legato indissolubilmente il marchio bianco- celeste. Celebre la frase del cronista Ferretti che iniziava la sue radiocronache del dopoguerra cosi: “Un uomo solo è al comando, la sua maglia è bianco-celeste, il suo nome è Fausto Coppi”. Con la maglia Bianchi Coppi vincerà ben 4 giri d’Italia , 2 Tour de France , un Campionato del mondo e tante altre importanti corse diventando il “Campionissimo”. L’eredità di Fausto Coppi viene raccolta negli anni 70 da Felice Gimondi che avrà un unico avversario: un belga di nome Eddy Merckx.
La crescita del mercato della bicicletta continua e Bianchi si rilancia anche con la crisi petrolifera del 1973 e già dal 1967 è nel nuovo stabilimento di Treviglio di 75000 m2 con un potenziale produttivo enorme.
Successivamente la Bianchi passa di mano a diversi gruppi industriali: nel 1991 alla Piaggio e poi nel 1997 viene acquistata da un gruppo svedese Monark di proprietà di un italiano emigrato in Scandinavia nel 1952, Salvatore Grimaldi a capo della Cycleurope, detentrice anche dei marchi francesi Peugeot e Gitane. Con la nuova proprietà il marchio Bianchi, di anno in anno, tornerà ad avere un peso importantissimo tra le biciclette di altissima gamma.
Nella fine degli anni Novanta sarà Marco Pantani, in sella ad una Bianchi, a compiere alcune delle imprese più importanti del ciclismo mondiale, culminate nel 1998 con la vittoria nella stessa stagione di Giro d’Italia e Tour de France. A tutt’oggi la Bianchi è tra i marchi più prestigiosi a livello mondiale tra i costruttori di biciclette da corsa di altissimo livello.


Copyright non si consente la copia e/o la stampa di qualsiasi immagine presente su questo sito
E' altresì vietata la copia e/o la stampa integrale oparziale del testo presente nelle sezioni del sito
Torna ai contenuti | Torna al menu