Moser - Italian Legend Bicycles, Associazione Culturale, Pesaro Urbino - Marche - Italy

Vai ai contenuti

Menu principale:



La Cicli Moser ha già un pezzo di storia nel nome stesso. Francesco Moser infatti fece della sua fabbrica di biciclette la naturale prosecuzione di una carriera che lo ha visto come il ciclista italiano con il maggior numero di vittorie nelle gare su strada: ben 273.
L’impresa di Moser nel Record dell’Ora è una rivoluzione. Da quel momento nel mondo della bicicletta da corsa, tecnologia e preparazione non saranno più come prima. Il primato stabilito da Moser nel 1984 ha segnato anche il suo ingresso nel mondo dei costruttori: la bici del Record era infatti marchiata Moser. Con questa bicicletta Moser riuscì a percorrere ben 51,151 km in una ora battendo dopo 22 anni il record dell’ora di Eddy Merckx.
Se per la preparazione atletica Moser si affidò alle innovative pratiche del professor Francesco Conconi dell’Università di Ferrara, per il mezzo meccanico il team della Also- Enervit coinvolse il professor Dal Monte, direttore scientifico dell’Istituto di Scienza dello Sport del CONI. Dal Monte capì che l’obiettivo era puntare sull’aerodinamica e sulla rigidità della bici, a costo di concedere qualcosa al peso.
Un punto critico era la posizione in sella: per rendere più aerodinamico l’assetto si doveva far abbassare il ciclista il più possibile. Anche il manubrio doveva assecondare la posizione (inizialmente Dal Monte l’aveva disegnato a doppia ala, ma poi si preferì una soluzione più tradizionale sebbene sempre con gli appoggi rivolti in alto). Con l’introduzione della ruota anteriore più piccola si dovette reinterpretare anche la geometria del telaio. Nel 1984 Moser riuscirà a vincere anche la Milano-San Remo e il Giro d’Italia.
La bicicletta da cronometro può essere considerata l’iniziatrice di una serie di bici fortunate per il marchio Moser, che si distinsero subito per le loro caratteristiche fortemente tecnologiche ed innovative.
Tra le sperimentazioni più riuscite ricordiamo il modello Over e la sua particolare lavorazione sui tubi in alluminio dai diametri differenti nelle varie parti secondo un disegno che li ha fatti definire “telescopici”.
Copyright non si consente la copia e/o la stampa di qualsiasi immagine presente su questo sito
E' altresì vietata la copia e/o la stampa integrale oparziale del testo presente nelle sezioni del sito
Torna ai contenuti | Torna al menu